Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘italian movies, tv/cinema, televisione’ Category

Recently I read about the BootsnAll 30 Days of Indie Travel Project and I decided to jump in and participate. Today is Day 9 of the project and the topic is: “Describe 1 perfect day you had while traveling” : To Read the blog in English click here

Recentemente ho letto che il sito BootsnAll ha un progetto per i blogger. 30 Giorni di Indie Travel Project e ho deciso di saltare a bordo per partecipare. Oggi è giorno 9 del progetto e il tema è: Descrivete un giorno perfetto di viaggiare. Giorno 9 di 30 giorni di “Indie Travel Project”.

Il giorno in cui ho incontrato un tartufaio

È difficile trovare solo un giorno perfetto di cui posso parlare, perché quando sono in Italia ce ne sono tanti! Anche se per caso non è il giorno migliore, sono contenta lo stesso di stare in un paese che risveglia tutti i miei sensi, dove posso spalancare le persiane e godermi una bella vista e bere un bel bicchiere di vino per ritrovare il mio senso dell’umorismo. Anche i giorni peggiori per i viaggiatori potrebbero essere buoni, dopo tutto non è vero che sono i giorni con tanti disavventure e incidenti che producono le storie divertenti! Queste sono le storie in cui continuiamo a ridere nel raccontarle agli amici anni dopo. Ma per oggi devo ricordare un giorno perfetto…giorno perfetto..giorno perfetto…vediamo un po’. Ah sì! Un’immagine di Gubbio sta galleggiando su dalla nebbie oscure del mio cervello. Ho una visione di Gubbio, una antica città romana in Umbria con una chiesa imponente nella piazza centrale e una vista meravigliosa dalla piazza centrale sopra la pianura umbra. Gubbio è famosa per Don Matteo – il prete del teledrama Italiano, quello che risolve tutti i delitti a Gubbio meglio della polizia con solo una bicicletta e una croce. Gubbio con le vie e strade strette e ripide. Gubbio con il suo profumo a strapiombo di tartufi che si segue dappertutto! L’odore di Tartufi è così forte che secondo mio marito dopo due giorni a Gubbio anche il gelato sa di tartufi!

Il giorno a cui sto pensando è cominciato in un modo piacevole a Montefalco alla Villa Pambuffetti in Umbria con cappuccini e cornetti sulla terrazza dove ci siamo goduti i giardini romantici. Presto ci siamo trovati in macchina di nuovo pronti per continuare il nostro viaggio verso nord, a Gubbio. Mentre percorrevamo le strade della città cercando l’autostrada siamo stati fermati da un grande gruppo di ragazzi che ci sciamavano nel loro cammino verso la scuola. Ricordo bene la felicità dei giovani italiani con la loro grande energia, che era così contagiosa! Dunque siamo partiti con un ottimo stato d’animo per Gubbio pronti per la prossima avventura. È che bell’avventura! Dal balcone dalla nostra camera al Palazzo Reale a Gubbio abbiamo guardato mentre i deltaplani scendevano e galleggiavano dalle montagne dietro la città. A piedi siamo andati a vedere il foro romano un po’ fuori la città dove ci siamo seduti per un po’ immersi nella storia del locale. Abbiamo cenato in un ristorante dove abbiamo mangiato su un risotto al tartufi e carni tipiche della zona.

Un giorno veramente soddisfacente, ma la cosa che ha messo questo giorno sopra le righe? Il fatto che, dopo cena siamo andati in un bar dove la gente del posto va. È stato qui che  ci siamo incontrati per caso con il tartufaio. Mentre ascoltavamo la musica e bevevamo vino ho messo a parlare in Italiano con tanta gente ma specificamente con un uomo che gentilmente mi spiegava che era un tartufaio. Lui iniziava a raccontarmi tutto del suo lavoro, sui suoi cani che l’aiutano e degli alimenti speciali che crea proprio con i sui tartufi e che vendeva qui a Gubbio. Poi improvvisamente lui si è alzato dicendo che dovevamo andare con lui! Sembrava che al mezzo notte volesse aprire il suo negozio in cui vendeva i suoi prodotti per assaggiare alcune delle specialità! Mio marito, che non parla italiano, a questo punto era un po’ dubbioso. Non voleva finire come una vittima del ultimo teleromanzo DonMatteo! Ma confidavo che tutto sarebbe andato bene. È non sono stata delusa. Dopo aver seguito una pista tortuosa, su e giù le vie ci siamo trovati davanti a una piccola bottega che il nostro tartufaio ha sbloccato con un chiave da un anello grande. Ha acceso le luci ed era così impregnato dall’odore dei tartufi da svenire. Niente mistero qui da risolvere per Don Matteo o gli investigatori di Gubbio perché il proprietario dentro il negozio ci ha accolto calorosamente e con gentilezza. Il nostro nuovo amico ha aperto una bottiglia di vino e ci ha versato due bicchieri per noi, e ancora più, e poi ha aperto barattoli delle sue marmellate, formaggi e salse fatto con tartufi – tutte ricette sue. Abbiamo fatto alcuni brindisi e abbiamo continuato con la migliore degustazione della nostra vita!

Davvero un giorno di viaggio indimenticabile! Abbiamo avuto una festa privata a mezzo notte nel cuore di Gubbio con un’uomo che non parlava un acca d’inglese…e proprio questo ha reso questo giorno di viaggiare indimenticabile per me. È stato la prima volta che sapendo l’italiano mi ha portato fuori il sentiero battuto di turisti normali e ha letteralmente sbloccata porti che erano chiusi con chiavi. Potevo toccare il cielo con un dito ed ero strapiena di tartufi!

Annunci

Read Full Post »

L’ora delle streghe si avvicina. Fra poco sarà Halloween, la notte in cui strane cose succedono; le tombe aprono e le mummie scappano; i pipistrelli svolazzano intorno al castello e compaiano come vampiri nelle ombre della camera da letto di una fanciulla bionda; gli scienziati matti trasformano i cadaveri ai morti che camminano; i marziani scendono giù per prendere controllo del mondo! (inserite una risata molto cattiva qui) mmmmmaahahahahhahahaha! Sì! Il sole sta tramontando e il
male sta sorgendo! Dobbiamo prendere cura di noi stessi se vogliamo evitare la maledizione di (inserite il nome del mostro preferito qui)!

Il mondo del brivido e del mistero ha il suo fascino. Ci piace sentire le pelle d’oca e le sensazioni di formicolio della colonna vertebrale. I nostri cuori battono sempre più veloce quando incontriamo qualcosa di sconosciuto, spaventoso è paranormale. Che emozione lasciare la vita banale indietro e tuffarsi nel mondo d’orrore. Ha senso che ci piace qualcosa che fa senso!

(Attenzione: c’è una differenze tra “ha senso” e “fa senso“. “Fare senso” si riferisce tipicamente alla sensazione sgradevole che si prova guardando qualcosa che più che fare schifo, turba, mette a disagio, ed è veramente sgradevole. Ti dà una sensazione di lieve malessere fisico. “Avere senso” si riferisce a qualcosa che ti quadra, o ha ragione. Per madrelingua inglese queste frasi ci danno un po’ di fastidio perché in inglese si dice: “this makes sense“, e usiamo il verbo “fare“, ma in Italiano usiamo invece  il verbo “avere“!)

In anticipazione della festa di Halloween sto leggendo un romanzo giallo di Agatha Christie – “Dieci piccoli indiani” che ho comprato alla Feltrinelli a Roma l’estate scorsa. Da giovane ragazza questo libro mi faceva venire i brividi! In Italiani i libri polizieschi, misteri e orrori sono chiamati – gialli. Perché “giallo”, mi domandate
quando questo colore è fresco, estivo e generalmente associato all’allegria e alla luce del giorno? Ecco perché. Nel marzo 1929, visto il grande successo del genere poliziesco all’estero, l’editore Arnoldo Mondadori e il suo collaboratore Lorenzo Montano decidono di avviare anche in Italian una collana, I libri di misteri. Poiché ogni collana della Mondadori ha un colore identificativo, per la copertina si sceglie appunto il giallo e al centro si pone un cerchio rosso in cui si illustra il momento saliente della tramma. (Incontro Italiano #39 Giallo All’Itlaiano)

Dovreste rispolverare i vostri gialli e film d’orrore per mettervi nel umore giusto per festeggiare Halloween! Ho messo insieme anche alcuni figatissimi film clip per guardare in Italiano. Oltre a brividere mi piace ridere, dunque ci sono alcune parodie di quest’opera di terrore! Buon divertimento e buon halloween a tutti….mmmmmaahahahahhahahaha!

Per la VERSIONE INGLESE

Frankenstein Junior di Mel Brooks (Young Frankenstein in inglese)

Dracula

Mummia

Cena con delitto

Mars Attacks

Read Full Post »

Ieri ho parlato un po’ della telenovela Un posto al sole e tutte le storie assurde che coinvolgono gli inquilini di Palazzo Paladini a Napoli. Però qualche volta è possibile imparare qualcosa bello di Napoli attraverso questo show. Per esempio una scena della Soap, in onda il 29 agosto (2011), è stata ambientata nella cappella di Sansevero situata nel centro storico di Napoli. La cappella è un luogo magico e fatto nello stile tardo barocco costruito originariamente per Raimondo de’Sangro il Principe di San Severo. Raimondo de’Sangro, nato nel 1719, è un personaggio misterioso, massone, colto e alchimista. Molte leggende sono cresciute intorno alla sua attività alchemica. Le voci dicono che avrebbe potuto creare il sangue dal nulla e che aveva ucciso la gente in modo che potesse usare le loro ossa e la pelle per gli esperimenti.

Gli ultimi anni della vita del principe erano dedicati alla decorazione della capella di Sansevero. E che confezione lo è! Sul soffitto è l’affresco conosciuto con il nome Gloria del Paradiso e un ogni angolo c’è una statua straordinaria ma nessuno così notevoli o più celebrate come il Cristo velato di Giuseppe Sanmartino.  Quando ho visto la statua di Sanmartino per la prima volta (anche se in televisione), ero colpita dalla sua bellezza e volevo sapere più di questo capo di lavoro. Secondo me la cosa più straordinaria e la tecnica di realizzare Gesù morto, coperta da un sudario sottile e trasparente dallo stesso blocco di marmo. Ci sono tanti estimatori della statua tra in più notevoli c’era è Antonio Canova che durante il suo soggiorno napoletano cercava ad acquistarlo e che dichiarasse che “avrebbe dato dieci anni di vita pur di essere lo scultore di questo marmo incomparabile”.

La statua sembra così reale che tante leggende hanno fiorito per spiegare come l’artista potrebbe realizzare un velo così trasparente. Una delle ipostesi è che è il risultato di un procedimento inventato dal Principe per “marmorizzare” un tessuto tramite modi alchemici. “Ma in realtà il Cristo velato è un’opera interamente in marmo, ricavata da un unico blocco di pietra come si può constatare da un’osservazione scrupolosa e come attestano vari documenti coevi alla realizzazione della statua.” (Museo Sansevero)

Sanmartino fu un grand maestro del barocco e con la sua statua riesce a stupirsi nella maniera del barocco e riesci a trasportarci in un altro mondo di meraviglia usando il dramma e la fantasia della sua arte. Non fa neanche male avere un principe pazzo per un patrono per incoraggiarsi a nuovi limiti.

sudario = shroud

Read Full Post »

Questa mattina come al solito, mentre facevo colazione, che consisteva di due uova sode, pane tostato con burro, yogurt normale senza sapore ma con un pizzico di cannella e caffè fatto in una caffettiera – marca Moka, ho dato uno sguardo a Facebook per vedere le novità. Tra tutte le foto e i posting ho trovato questa bellissima foto colorata di Sophia Loren e Jayne Mansfield con la didascalia “Auguri Sophia!”. E con questo ho saputo che proprio oggi, il 20 di settembre, l’attrice famosa festeggia il suo compleanno e che sta per spegnere settantasette candele! È improvvisamente sono stata portata da una colazione banale, al fascino del mondo delle stelle dell’età del’oro di Hollywood.

Sophia che è un delle più celebrate attrice degli anni 60, resta tutt’oggi un’icona nel mondo. Ha iniziato la sua carriera in Italia dopo la guerra e poi è venuta a Hollywood negli anni cinquanta per girare i film con attori come Cary Grant, John Wayne e Gregory Peck. In 1957 ad una festa di benvenuta per l’attrice Italiana a Hollywood al ristorante di Romanoff c’era un incontro famoso tra lei e Jayne Mansfield. Lasciarlo a Jayne per rubare la scena con i suoi seni voluttuosi. Con questo stunt di pubblicità improvvisamente tutta l’attenzione era su di lei invece sulla nuova bella attrice d’italia. Che succede quando due icone del cinema come Jayne Manesfield e Sophia Loren si incontrano? Ovviamente si valutano! Nella foto famosa Sophia da uno sguardo diverto a Ms. Mansfield. Con l’arco delle sue sopracciglia sembra di dire “uffa…un colpo basso ma ben giocato”.  Ma alla fine penso che Sophia, che ha una figura ancora bella a settantasette anni, abbia l’ultima risata!

Read Full Post »

È uscito il nuovo film di Harry Potter. È l’ottavo e ultimo film nella serie. In preparazione di guardarlo al cinema, i miei ragazzi hanno deciso di vedere di nuovo tutti i film fin dall’inizio a casa. Per tre giorni erano davanti alla televisione guardando Harry, Hermione e Ron che stavano facendo battaglia contro serpenti, ragni, troll, draghi e Colui-Che-Non-Deve-Essere-Nominato (il Signore Oscuro o Voldemort). Per la prima volta dopo tanto tempo, i tre ragazzi che vanno in età da 20 a 13, si stavano godendo la stessa cosa. Si erano seduti sullo stesso divano incantati di nuovo dalle storie di maghi e magia che J.K. Rowling ha tessuto prima nei suoi libri molto popolari che sono usciti nel 1997. Sarò sempre contenta che mio figlio maggiore abbia avuto l’opportunità di leggere tutti i libri prima che ci fosse un film. La sua immaginazione pura l’ha portato in avanti attraversare la seria senza avere nessun film dettare la sua visione. Comunque devo ammettere che i film sono davvero belli visualmente e sono fatti molto bene ed è sempre una bella esperienza guardarne uno.

Alcuni anni fa ho comprato il primo libro “Harry Potter e la pietra filosofale” in Italiano quando ero a Siena (perché questo è quello che io faccio quando sono in Italia…compro così tanti libri per riempire la mia valigia che non posso alzarla!) Ora lo sto rileggendo in Italiano mentre mio figlio minore sta rileggendolo in inglese. Ogni mattina controlliamo dove siamo nella trama. Mi piace il testo italiano, nonostante sia un po’ diverso della versione inglesi. Per esempio in Italiano alcuni nomi sono stati cambiati. Il maestro della scuola di Hogwarts in Italiano invece di essere chiamato Albus Dumbledore è chiamato Silente. Professoressa McGongall nella versione Italiana è Minerva McGranitt e Severus Snape è diventato Severus Piton. Anche le illustrazioni sono diversi nelle versioni Italiane.

Leggendo i libri in Italiano è un buon modo per aumentare il vocabolario, perché sono ricci di parole descrittive. State attenti però perché ci sono anche belle parole inventate dalla scrittrice, come le loro controparti inglesi, che non hanno senso fuori contesto dei libri. Ecco un breve brano dal primo libro:

“Benvenuti a Hogwarts” disse la professoressa McGranitt. “Il banchetto per l’inizio dell’anno scolastico avrà luogo tra breve ma prima di prendere posto nella Sala Grande, verrete smistati nelle vostre Case. Lo Smistamento è una cerimonia molto importante, perché per tutto il tempo che passerete qui a Hogwarts, la vostra Casa sarà un po’ come la vostra famiglia. Frequenterete le lezioni con i vostri compani di Casa, dormirete nei dormitori della vostra Casa e passerete il tempo libero nella sala di ritrovo della vostra Casa. Le quattro Case si chiamano Grifondoro, Tassorosso, Corvonero e Serpeverde. Ciascuna ha la sua nobile storia e ciascuna ha sfornato maghi e streghe di prim’ordine.”

Siete pronti per entrare il mondo delle streghe e maghi? Allora un assaggio del nuovo film. È stato davvero eccellente! Lo so perché ho accompagnato i figli a guardarlo!

Non dimenticare di venire a trovarmi alla pagina di Facebook per Diario di una studentessa. Ogni giorno metto link interessante sull’italia. Anche se avete voglia di leggere Harry Potter di nuovo in Inglese o Italiano andate alla pagina di libri.

Read Full Post »

Recentemente l’Italia è piena di chiacchiera del nuovo film di Woody Allen perché lui è ormai pronto a iniziare un nuovo progetto proprio a Roma. La città eterna pullula della gente del cinema che sta per sfruttarla per il set del prossimo film di Allen. Però anche se il primo vero ciak di Allen manca ancora qualche settimana gli attori hanno la consegna tassativa del silenzio e sembra che non conoscano ancora nemmeno il copione. Ci sono voci però che dicono che il pellicolo è ispirato al Decamerone” di Boccaccio (l’autore medieovale dei racconti spiritosi, piccanti e  qualche volta volgare di amore) e sarà chiamato “Bob Decameron” o “Bop Decameron” (come alcuni traduttori hanno scritto) o forse “Bella Ciao”, (o il mio suggerimento “So che hai fatto l’estate scorsa a Roma”) ma restate sicuri che probabilmente nessuno lo già conosca e come il resto del film tutto è in uno stato di cambiamento.

Woody Allen è arrivato a Roma alcune settimane fa e ora è ospitato con la sua famiglia per qualche mese all’Excelsio, un albergo di lusso in via Veneto. Sentite questi dettagli: 1.100 metri quadrati di cui quasi duecento di terrazze, con piscina open air, sala per proiezioni, jacuzzi, biblioteca e sei stanze da letto. Asso nella manica dell’albergo a cinque stelle della catena Usa Starwood, la suite più grande d’Italia, in pratica attico e superattico del palazzo bianco ad angolo con via Boncompagni con un affitto che si aggira sui 12 mila euro al giorno.

Per i prossimi mesi Woody farà come Roma è casa sua e sembra che la città sia veramente felice di averlo tra le sue braccia. Infatti in questo momento lui gira per la città in ricerca dei posti perfetti per il suo film. In considerazione è il colosseo, che viene non gratis ma con un cartellino del prezzo di 5 mila euro al giorno! Caspita, vivere a Roma indefinitamente in un palazzo, non come un regista tipico ma come un re, affittare il colosseo…penso di aver sbagliato la carriera! Sembra che girare un film non sia affatto male e ha i suoi vantaggi!

In questo momento tanti degli attori per il film sono stati scelti. Tra i protagonisti americani ci sarà Jesse Eisenberg (‘The social network’), Ellen Page (‘Juno’),Penelope CruzAlec Baldwin Judy Davis. Sembra che anche Allen apparirà nella pellicola con un piccolo cameo. Inoltre la regista ha generosamente scelto tanti attori italiani e tra gli interpreti intaliani confermati sono Roberto BenigniRiccardo ScamarcioIsabella FerrariRocco PapaleoMassimo Ghini Sergio Rubini. Ma aspettate! Non è troppo tardi per il pubblico di essere coinvolto in questo film. Infatti ci sono ancora i provini e se volete fa come Woody Allen e trascorrere l’estate girando un film, potete presentarvi a Beatrice Kruger in Via della Pelliccia, 45 00153 Roma…oggetto: Casting Film Woody Allen! Se no, dovete aspettare come tutti gli altri per il film che arriverà nelle sale 2012. Buona attesa!

Purtroppo qualcuno non vedremo Carla Bruni nel film di Allen:

Un clip del film “Provaci Ancora Sam – Riflessioni” di Allen

Vocabolario utile:

sbarcare = disembark

copione = script

ciak = movie clapper board

Provino = auditions

Sarà girato = filmed

Un cast stellare = star studded cast

partiranno le riprese della pellicola = filming will start

il regista = director

gli interpreti = the actors

le sale = theaters

poco o nulla si sa della trama = to know little or nothing of the plot

bocciato da = turned down


Read Full Post »

Il weekend scorso ho guardato, per la milionesima volta il film Orgoglio e Pregiudizio. Questa volta ho visto la versione fatta nel 2005 con Kiera Knightly e Matthew MacFadyen ma tradotta in Italiano. Una cara amica (sto parlando di te Vita!) me l’ha regalato per il compleanno. Per ascoltare il film sul mio computer ho usato le cuffie che cancella rumore che mio marito usa quando lui viaggia in aereo. Devo dirvi che sono troppo belle! È stato molto facile sentire tutte le parole italiane senza sentire il cane che stava russando accanto a me o la musica pop dalla camera del mio figlio minore o il suono del video gioco che mio figlio maggiore stava giocando nel salotto.

Torno al film. Primo ho guardato il film senza i sottotitoli. Dopo aver finito il film, forse perché era troppo pigra e non volevo spostarmi dal divano per scegliere un altro film, o forse perché mi sono innamorata di nuovo di Mr. Darcy, ho deciso di guardare il film un’altra volta, ma questa volta con i sottotitoli italiani. Ci sono voluti solo pochi minuti prima di scoprire che quello che dicono gli attori non sono le stesse battute scritte dalle persone responsabili per i sottotitoli. Interessante, no? Ok forse, solo interessante a me! Comunque ho fatto una piccola ricerca per paragonare quello che è detto e quello che è scritto. Per la maggior parte, il significato non cambia, solo il modo in cui le battute sono comunicate. Per me è stato un esercizio illuminante e mi è piaciuto mettere fianco a fianco le due versioni per scoprire altri modi di dire la stessa cosa. Per esempio:

Battute tra i Bennet:

Detto dal attore: Sig.ra B: Oh, signor Bennet, come potete torturarmi in questo modo? Non avete pietà per i miei poveri nervi?

Scritto/sottotittolo: Oh, signor Bennet, come potete prendervi gioco così di me? Non avete compassione per i miei nervi?

Detto: Sig B: Qui vi sbagliate, mia cara ho il massimo ripetto per i vostri nervi. Sono stati i miei vecchi amici da più di vent’anni
Scritto: Vi sbagliate, mia cara. Ho il massimo rispetto per i vostri nervi. Sono stati i miei fedeli compagni per 20 anni.

++++++++++++

Sig Darcy:

Detto: È troppo passabile, ma non abbastanza bella da tentarmi. Tornate a a vostra compagna non preoccuparvi di me.
Scritto: Non abbastanza carina per me. Torna a goderti i sorrisi della tua compagna. Stai perdendo il tuo tempo con me.

++++++++++++

Sig.na Elisabetta:

Detto: La danza è il vero nutrimento dell’amore persino se il cavaliere è appena passabile!
Scritto: Ballare. Anche se la propria compagna fosse intollerabile

++++++++++++

Sig Darcy:

Detto: Se i vostri sentimenti sono gli stessi di aprile ditelo ora. Il mio affetto ed i miei desideri sono immutati. Ma una vostra parola mi farà tacere per sempre. Se invece i vostri sentimenti fossero cambiati devo dirvelo… Mi avete stregato anima e corpo e Via amo, Vi amo, Vi amo e d’ora in poi non voglio più separarmi da voi.

Scritto: Se i vostri sentimenti sono rimasti quelli dello scorso aprile, ditemelo. Il mio affetto e i miei desideri non sono cambiato. Ma basterà una vostra parola per zittirmi per sempre. Se, tuttavia, i vostri sentimenti fossero cambiati…devo dirvi che mi avete incantato nel corpo e nell’anima e vi amo, vi amo, vi amo. Da questo momento in poi, voglio rimanervi accanto.

(sono in un deliquio dopo entrambi versioni…)

++++++++++++

Sig.na Elisabetta:

Detto: Bene allora
Scritto: D’accordo

Detto: Siamo entrambi testardi
Scritto: Siamo entrambi cocciuti

++++++++++++

Sig Bennet:

Detto: Non riesco a credere che qualcuno possa meritarti
Scritto: Non credevo che nessuno sarebbe potuto essere all’altezza di meritarti

Detto: Con tutto il cuore do il mio consenso
Scritto: Acconsento dal profondo del mio cuore.

Detto: Non potevo separarmi da te Lizzy per un uomo senza valore
Scritto: Non avrei potuto lasciarti, mia Lizzy a qualcuno che fosse meno degno

Orgoglio e Pregiudizio trailer

Read Full Post »

Older Posts »