Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘italian festivales/feste’ Category

Stiamo festeggiando Ferragosto e la festa di S. Rocco con la famiglia e gli amici di Francesca qui a Locorotonodo. Ieri sera c’era un fiume di persone nel centro di Loco e stasera aspettano una marea ancora più grande! I ragazzi erano fuori fino alle quattro e hanno partecipato nella processione di Diana per iniziare la grande festa stasera in cui ci saranno gli fuochi artificili e sempre più da mangiare.

La festa vera e propria abbraccia tre giornate: il 15, il 16 ed il 17 agosto. Tutto il paese avverte già qualche giorno prima, con l’arrivo dei forestieri e dei paesani residenti all’estero, il crescente fermento che coinvolge un pò tutta la popolazione. Il 15, ferragosto, prova generale, il paese è addobbato da una variopinta illuminazione, da tantissime bancarelle e da una folla multiforme propria delle sagre paesane. La popolazione si prepara al giorno del Santo, che inizia nel primissimo mattino con la Diana, poi in chiesa con i solenni riti religiosi e per le strade con le lunghe processioni, fino a tarda notte con le bande musicali ed i fuochi d’artificio. Tradizionalmente il 16 agosto è il cosidetto san Rocco dei locorotondesi, una festa tutta delicata ai paesani che scorre a ritmi più blandi, più intimi.

Annunci

Read Full Post »

Buona Pasqua! Spero che dovunque che sia, stia passando una bella giornata! Mangi troppo cioccolato e abbi un bel giorno di relax! Primavera è qui!

è ora il lato e lato leggere della Pasqua…alcune battute…poveri agnelli!

Read Full Post »

Il 5 di febbraio è il giorno mondiale della Nutella! Questa festa è stata iniziata da Sara Rosso, una blogger Americana che abita a Milano, che pensava che ci fossero tanti giorni in un anno, ma che nessun giorno fosse dedicato alla Nutella, la crema morbida di cacao e nocciole, che si può godere spalmata sul pane o semplicemente mangiata direttamente da un barattolo con un cucchiaio! Dunque nel 2007 è nato World Nutella Day! Quest’anno Sara mi ha chiesto di disegnare un nuovo logo per la festa e devo dirvi che per me è stato un grande onore aiutarla con il disegno. Eccolo:

Secondo Sara, la Nutella è più di una crema di nocciole al cioccolato, è uno stile di vita. Per festeggiare, lei e Michelle Fabio stanno raccogliendo le varie ricette di tutti i partecipanti in questa festa a fra poco pubblicherano i risultati sul suo blog World Nutella Day e anche su Twitter (#nutelladay).

Per il nostro contributo Francesca ed io abbiamo preparato una pizza di Nutella, e posso confermare che è stato davvero delizioso! È stato cosi buona che abbiamo quasi mangiato la pizza intera solo noi due ieri sera!

Ecco la nostra ricetta per una pizza a forma di cuore (per mostrare il nostro amore per Nutella!):

1 pacchetto di lievito
1 tazza* di acqua calda(110 degrees F/45 degrees C)
2 tazze di farina (più o meno)
2 cucchiaio* di olio di oliva
1 cucchiaino* di sale
2 chucchiaino di zucchero bianco

*cucchiaio = tablespoon
* cucchiaino = teaspoon
* tazza per una misura non è standard in Italiano ma voglio dire approssimativamente 0.237 litri (quanto acqua si aggiunge dipende sempre della consistenza del impasto)

1. Lasciar aumentare il lievito nell’acqua caldo per dieci minuti

2. Combinare la farina, olio, sale e zucchero e lievito e impastare bene, lasciare la pasta lievatare per una mezz’ora

3. Girare l’impasto su una superficie ben infarinata. Impastare in una forma rotonda, o come un cuore per formare la crosta.

4. Cucinare la pizza a 350º per una mezz’ora

5. Quando la pizza è raffreddata, spalmare con Nutella, e decorare la pizza con fragole e lamponi

Nonostante il giorno della Nutella sia passato, non importa! Secondo me, ogni giorno è un giorno per la Nutella e possiamo festeggiarlo così! Se tu hai una ricetta speciale vai sul sito di Sara e dirgle che ti ho mandato io! Buon appetito e viva la Nutella!

Read Full Post »

Il mese scorso ho trovato un blog che parlava del mercatino di Natale che si svolge a Roma in Piazza Navona in Dicembre. Leggendo il blog ho visto una foto di un chiosco in cui c’erano un sacco di Befane in vendita. Non ci potevo credere! Che bello spettacolo! Immediatamente ho capito quello che volevo per Natale! Una bellissima brutta Befana! Per scherzo ho pubblicato il mio desiderio su Facebook, ma quando le mie amiche in Italia l’hanno letto hanno deciso di regalarmi non una, ma due Befane!

Vita, che abita in Puglia, è andata a Roma per una gita scolastica per vedere la mostra di Vincent Van Gogh. Quando era nella città eterna è andata in Piazza Navona e ha trovato il chiosco in cui stavano vendendo le Befane che ho visto nella foto. Infatti lei ha fatto una foto di questo posto (vedi a sinistra)! Poi dopo una considerazione molta attenta, perché la selezione era grande e ce n’erano tantissimi tipi perché voleva trovare una Befana che assomigliasse a me, finalmente lei ne ha scelta uno. Quando ho ricevuto la bellissima Befana, l’ho appesa al soffito nel mio ufficio dove posso vederla mentre io lavoro e quando io scrivo il blog. Anche se mi piace molto il mio regalo, secondo me la Befana sembra un po’ triste e da sola qui in America. Fortunatamente questa situazione cambierà e fra poco lei avrà una sosia perché la mia amica Rossella, che abita a Garda, ha anche scelta una Befana per me! Sono contentissima di avere una piccola collezione! Anche se la Befana è un segno che le feste sono finite e un indicazione che è l’ora di mettere via tutte le decorazioni, i presepi e l’albero di natale, penso di lasciare le mie due Befane in vola per un po’ di più…magari per tutto l’anno! Grazie ragazze di nuovo per le mie Befane!

Ecco la leggenda della Befana:

Una sera di un inverno freddissimo, bussarono alla porticina della casa della Befana tre personaggi elegantemente vestiti: erano i Re Magi che, da molto lontano, si erano messi in cammino per rendere omaggio al bambino Gesù.

Le chiesero dov’era la strada per Betlemme e la vecchietta indicò loro il cammino ma, nonostante le loro insistenze lei non si unì a loro perché aveva troppe faccende da sbrigare.

Dopo che i Re Magi se ne furono andati sentì che aveva sbagliato a rifiutare il loro invito e decise di raggiungerli.

Uscì a cercarli ma non riusciva a trovarli.

Così bussò ad ogni porta lasciando un dono ad ogni bambino nella speranza che uno di loro fosse Gesù.

Così, da allora ha continuato per millenni, nella notte tra il 5 ed il 6 gennaio a cavallo della sua scopa…

Read Full Post »

Seconda parte del presepe: Ieri abbiamo ricevuto un grande pacco dall’Italia. Pensavo di tenerlo nascosto fino alla vigilia, ma questa mattina ho ricevuto un messaggio urgente da Vita, la migliore amica di Francesca (la nostra figlia Italiana) che ha detto che era molto importante aprirlo per trovare un regalo speciale dentro (quello con la cartolina che diceva “aprimi immediatamente!”) Dopo aver tolto tutta la confezione del regalo speciale di Vita, la faccia di Francesca era piena di gioia, perché dentro il pacco ha trovato tutte le statue, la carta e il muschio necessario per fare un bel presepe. So che le manca la famiglia (e la sua amica fantastica!) e tutte le sue tradizioni natalizie, specialmente il presepe, e nonostante tutte le nostre decorazione natalizie, l’albero di natale e tutte le luci brillianti, c’era qualcosa che non andava. Dunque, un grande abbraccio a Vita e alla famiglia Mirabile per averci rese entrambi felici! Questo pomeriggio è stato un vero piacere aiutare Francesca con la costruzione del presepe. Ecco le foto del procedimento per fare il presepe. (Una nota: vedete che il bambino Gesù non è in evidenza…ma ci sarà lui la notte della vigilia!)







Read Full Post »

La luna è piena ed è quasi Halloween…e caspita! le streghe rugose sono ritornate! Seguendole c’è una sfilata di scheletri terrificanti, di fantasmi nebulosi, di gatti neri, di pipastrelli nefasti ed di vampiri cinerei. Non si sa mai che loro stiano combinando in questo periodo dell’anno, ma sicuramente sarà una cosa terribile e spaventosa.

Sono una tifosa di Halloween e mi piace indossare un costume e una maschera ed andare in giro per il vicinato per fare “dolcetto o scherzetto”. Non mi dispiacerebbe neanche mangiarmi quelle belle mele carmellate. Non si è mai troppo grandi per festeggiare la notte di Halloween, e come Linus io aspetterò con anticipo l’arrivo del grande cocomero! Come Linus io credo che: La notte di Halloween il Grande Cocomero sorge dal campo di cocomeri e vola per l’aere distribuendo giocattoli a tutti i bambini buoni del mondo. Ma non da un campo di cocomeri qualsiasi! Dev’essere il più puro e sincero campo di cocomeri in tutto il mondo.”

Secondo la striscia di Peanuts, ogni anno Linus scrive al Grande Cocomero, come si farebbe con una sorta di Babbo Natale. Convinto della sua buona fede cerca di trascinare anche gli altri amici nell’attesa per poi ritrovarsi solo, con Snoopy o con altri che riesce temporaneamente a convincere. Il resto della compagnia infatti preferisce il tradizionale “Dolcetto o scherzetto”. (Ho cercato dapertutto per un video di Linus e il Grande Cocomero, tradotto letteralmente in Italiano senza averne trovato nessuno. Però, se avessi abitato sotto una roccia per gli ultimi cinquant’anni e non sai niente del il Grande Cocomero aka Great Pumpkin, potresti andare qui per vedere la versione inglese.)

In realtà la striscia in lingua originale parla di “Great Pumpkin” che tradotto letteralmente in lingua italiana diventa “la grande Zucca” invece di “cocomero” che vuol dire “anguria” o watermelon. Questa diversità si deve probabilmente alla mancanza di relazione effettuata dal traduttore delle usanze relative alla statiunitense Halloween, in quegli anni praticamente sconosciuta in Italia.

Infatti, Halloween non ha radici in Italia e non vi è festeggiato nello stesso modo che noi Americani lo festeggiamo qui. Per gli Italiani è una festa più recente. Secondo Vittorio, il papà di Francesca, la nostra studentessa della Puglia, “ci sono alcuni ragazzi che si maschereranno e faranno “dolcetto o scherzetto“, ma niente di molto importante.” Però agli Italiani, come agli Americani, piace un bel spavento, come indicato dalla popolarità di Paranormal Activity 2 e sono pronti ad assumere alcune delle nostre tradizioni.

Secondo Savethedate.it, un buon sito per trovare le attività settimanali che stanno succedendo in italia, ci sono alcune città in cui si stanno festeggiando Halloween. Per esempio, Sabato 30 e domenica 31 nel centro storico di Dolceacqua in Liguria, ci sarano Un Halloween Gothic Fest con spettacoli, grandi concerti e degustazione di cioccolato e anche un festival internazionale di folklore e Cultura Horror. Vicino a Lucca c’è torna la più Grande Festa di Halloween. Interessante notare che la provincia di Lucca è considerata da sempre terra magica. Sono tantissime le leggende e le fantasticherie tramandate di padre in figlio. Il successo di Halloween deriva soprattutto da questo. A Napoli puoi Incontrare Fantasma in Ogni Vicolo ad Halloween.

Maaaaaahahahahahah! Che bello festeggiare l’halloween ne in un orto aspettando il grande cocomero, o in costumi facendo “dolcetto o scherzetto” o in un angolo buio di Napoli. Avete indovinato il mio costume quest’anno? Visto che siamo appena ritornati da Roma, abbiamo in mente di vestirci come Maximus e Lucilla, il gladiatore e la regina Romana! (Pubblicherò le foto dopo Halloween!) In qualunque posto ti troverai questo Halloween, divertiti! e mi raccomando….mangia tanto cioccolato! E voi, che cosa indossate per Halloween?

Aggiungo le foto di mio marito ed io indossati come Lucilla, la bella figlia di Marcus Aurelius, e di Russell Crowe, um, intendo il gladiatore!

Read Full Post »

Alla casa del cioccolato Perugina! Mio marito ed io con i nuovi amici!

Per tutti i golosi di cioccolato, un sogno diventerà realtà questo weekend a Perugia. EUROCHOCOLATE comincia venerdì e continua fino al 24 ottobre… ci sarà cioccolato disponibile per tutti!!!!! A Perugia, la capitale dell’Umbria, stanno aspettando quasi un milione di ghiotti di cioccolato che vengono da ogni parte d’Italia e del mondo per vedere gli spettacoli, le esposizioni e le sculture di cioccolato. Ma veramente la città sarà piena zeppa di persone in cerca di cioccolato da assaggiare! Peró non devono cercare a lungo perché ci sarà cioccolato da provare dietro ogni angolo e in quasi ogni piazza.

Sembra giusto che Perugia sia la sede di questa festa, dato che la città non è esattamente un’estranea al cioccolato. Da tanti anni Perugia é ben conosciuta per la Perugina, l’azienda di cioccolato più famosa di cioccolato in Italia. Vi ricordate i Baci Perugina di cui ho scritto prima nel blog “Voglio 24000 baci“? Prima di partire per l’italia quest’anno, ho ricevuto un’email da Barbara Azzini assistente del Direttore Generale della Divisione Dolciari Nestlè Perugina. Mi ha scritto perché lei e i sui colleghi di marketing erano rimasti piacevolmente colpiti dalla mia citazione dei loro Baci Perugina e dalla mia passione per l’Italia. Mi ha invitato presso la loro Casa del Cioccolato a Perugia per farmi vivere un’autentica esperienza nel mondo Perugina! Caspita! Che bello, pensavo io! Un giorno magari! E poi mi sono resa conto che io sarei stata in Umbria proprio vicino a Perugia e la Casa del Cioccolato in settembre. Dunque le ho mandato una risposta dicendo che sarei stata molto lieta di accettare l’invito!

Il giorno dell’appuntamento, verso le nove, mio marito ed io siamo arrivati a San Sisto, dove si trova la fabbrica di Perugina Nestlè. All’inizio pensavo che questo sarebbe stato solamente un bel tour veloce veloce con l’opportunità di assaggiare un po’ di cioccolato. Non avrei mai potuto immaginare la vera sorpresa che avremmo trovato dentro la Casa del cioccolato! All’ingresso c’erano cinque persone che ci attendevano ed che ci hanno calorosamente accolti. Barbara è venuta apposta da Milano con una collega (responsabile per il sito web Perugina) per l’incontro. Con lei c’era anche Chiara Bertinelle, responsabile per la scuola di cucina, il Master cuoco della scuola di cioccolato e Cristina, la donna che dirige i tour della fabbrica e del museo.

Che bel benventuo ed invece di un tour rapidissimo, ci hanno fatto entrare nella sala della scuola di cucina senza fretta e con grande attenzione, dove il Master cuoco per più di un ora, ci ha dato una leziona sul come fare i tartufi. Prima ci ha mostrato come fare la crema ganache, di cui il tartufo è ripieno, dopo abbiamo lavorato con il cioccolato fondente, chiamato “Louisa”, per il rivestimento esterno il tartufo. È stato molto divertente e facevamo un po’ di disordine nei nostri sforzi di lavorare con il cioccolato, mentre il Master cuoco ci ha spiegato da dove vengono i diversi tipi di cioccolato e il cacao. Dopo la lezione abbiamo ricevuto il nostro diploma e abbiamo fatto le foto. È stata un’esperienza  unica, ma come ci hanno spiegato, è possibile, non solo per noi, ma per ognuno avere quest’esperienza speciale. Le lezioni sono aperte al pubblico, basta di fare una prenotazione. La compagnia è molto orgogliosa dei loro prodotti e della loro lavorazione e vogliono condividerli con il pubblico.

Dopo la lezione siamo andati in giro per la fabbrica per avere un tour della linea di produzione e vedere come si fanno tutti i baci. Dopo abbiamo fatto un tour del museo di cioccolato con una guida privata. Ci ha spiegato, in italiano, delle esposizioni che illustravano la storia dell’azienda e la pubblicità dei Baci. Nel museo c’è anche una riproduzione del più grande bacio che loro hanno realizzato per Eurochocolate nel 2003 e che pesava 13,183 pounds! Il tour è stato  fantastico e abbiamo finito il giorno con un espresso, tanto cioccolato e un po’ di più simpaticissima conversazione con i nostri nuovi amici della Baci Perugina!

Cristina, la guida fantastica del museo e la fabbrica, ed io

Sarebbe stato molto bello vedere il più grande bacio all’Eurochocolate nel 2003! Ma immagino che quest’anno ci saranno anche tante novità. Però se non potete andare in ottobre per partecipare alla festa a Perugia, non dimenticate che la Casa del cioccolato della Perugina è aperta tutto l’anno e che si può entrare nel mondo dei Baci quando si vuole!

Viva i Baci! Viva il cioccolato! E grazie di cuore ai tutti coloro che ci hanno accolto alla Baci Perugina, specialmente a Barbara Azzini e suo capo, per aver realizzato un sogno per averci fatto vivere un giorno indimenticabile!

Barbara Azzini ed io

Marcopolo TV fa un viaggio nel cioccolato di Perugia per Eurochocolate 2010! Nel seconda parte l’intervistatore parla anche con Cristina (la donna sopra nella foto con me che ci ha fatto il tour). Potete sentire la sua voce mentre spiega più di Baci!

Read Full Post »

Older Posts »