Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 2 aprile 2010

Oggi, come tanti giorni primaverili, è cominciato bello e poi è diventato brutto. Il cielo è cambiato rapidamente da un cielo limpido e serena a un coperto grigio e oscuro. Il sole, che era caldo e luminoso, è scappato dietro alle nuvole per nascondersi. Poi prima che si potesse dire “sembra che stia per piovere” e si potesse aprire l’ombrello, le prime gocce di pioggia, grande come perle, cadevano giù sulla testa.

In California, dove io abito, di solito piove soltanto nei mesi di primavera. Poi come qualcuno spegne un interruttore, la pioggia smette per il resto dell’anno. I mesi di estate, autunno ed inverno sono secchi e privi d’acqua e umidità. Mentre ci godiamo lunghi periodi di bel tempo caldo, luminoso e splendide, qualche volta mi manca la pioggia. Sono cresciuta nel midwest in Iowa, dove pioveva spesso tutto l’anno. Durante l’estate, quando ero giovane, mi ricordo le tempeste grandi che mi hanno travolta con tuono minaccioso e fulmine terrificante.

Ascoltate la canzone “Piove” di Jovanotti. Non penso che ci sia un suono così bello come il rombo del tuono e il suono della pioggia con cui lui comincia la sua canzone. Nel ritmo di questa canzone e il modo in cui la canta, riesco anche a sentire le gocce della pioggia.

Quando pioveva in Iowa, mi sedevo sul letto nella mia camera e guardavo fuori la finestra per vedere la pioggia che sgocciolava dalle foglie degli alberi antistanti la casa. Tanta gente chiude le porte e le finestre quando piove, io invece li spalanco per sentire l’odore della pioggia e sentire bene il suono delle gocce sul pavimento. Quando un temporale estivo aveva passato, ricordo bene la freschezza dell’aria e il sentimento che il mondo è stato fatto pulito.

Qui in California nonostante piova con meno frequenza e la pioggia non duri lungo, durante i mesi di primavera ogni tanto posso godermi un bel acquazzone. E qualche volta dopo che piovesse, sono fortunata di vedere un bell’arcobaleno che stendersi sopra le colline e illumina il cielo con colori vibranti. Sono contenta per questo. Sì sono molto fortunata!

nota: il verbo mancare si usa come il verbo piacere :  mi piace questa canzone, mi manca la pioggia. Mi piacciono le caramelle, mi mancano i miei cugini. (this is pleasing to me, this is missed or lacking to me)

Annunci

Read Full Post »